La radiologia medica è la branca della medicina che si occupa della produzione e dell’interpretazione a fini diagnostici o terapeutici di immagini radiologiche.
Il nostro studio è dotato di radiografi che uniscono all’accuratezza il massimo del comfort: dal tavolo telecomandato al sistema unico di traslazione lato piedi o testa, che assicurando una distanza di soli 50 centimetri dal pavimento, consente un facile accesso anche ad anziani o pazienti con mobilità ridotta.
Non manca il software in grado di programmare la dose minima di radiazione per pazienti pediatrici.

Gli esami che effettuiamo

La radiografia convenzionale comporta l’uso di raggi X; il termine RX standard (diretta) è talvolta usato per distinguere le radiazioni ionizzanti usate in modo convenzionale rispetto ad altre tecniche (p. es., TC).

Nella radiologia convenzionale, viene generato un fascio di raggi X che viene fatto passare attraverso il paziente fino a una pellicola o a un rivelatore di radiazioni, producendo un’immagine. I differenti tessuti molli attenuano i fotoni X in modo differente, in base alla densità dei tessuti; più denso è il tessuto, più chiara (radiopaca) è l’immagine. La gamma di densità, da più a meno elevata, è rappresentata da metalli (bianchi, o radiopachi), corticale ossea (meno bianca), muscoli e liquidi (grigi), grasso (grigio più scuro), aria e gas (neri, o radiotrasparenti).

La radioscopia è un’indagine radiografica che consente di osservare gli organi interni in movimento o di seguire gli spostamenti di uno strumento introdotto nel corpo su uno schermo fluorescente. La radioscopia non sostituisce l’esame radiografico in quanto permette solo rilievi molto imprecisi e più grossolani di quelli che si raccolgono dal radiogramma ma è utile come esame di orientamento e dà ragguagli sulla funzionalità degli organi, non realizzabili con la radiografia che dà solo immagini istantanee degli organi.

MR- Risonanza Magnetica
Il Centro di Radiologia e Senologia dispone di una RISONANZA MAGNETICA 3Tesla della GENERAL ELECTRICS dell’ultima generazione.

Si eseguono esami di tutte le regioni del corpo compreso encefalo, mammella e addome.

La mielografia è un esame radiografico che utilizza una tecnica chiamata fluoroscopia, grazie alla quale si possono ottenere immagini in tempo reale dell’anatomia interna di un paziente.

L’esame prevede anche l’iniezione di materiale di contrasto, allo scopo di valutare il midollo spinale, le radici nervose e il rivestimento del midollo, le meningi.
Quindi, volendo semplificare al massimo, possiamo dire che la mielografia è una radiografia con mezzo di contrasto.

Viene eseguita quando non è possibile sottoporre il paziente a una risonanza magnetica.

(Transito esofago-gastrico, tratto intestinale)

L’ecocolordoppler è un esame rapido (durata di 15-30 minuti) e non invasivo che consente di rilevare delle anomalie o delle malattie utilizzando onde sonore con una frequenza superiore a quella dell’udito di circa 20 kHz (ultrasuoni).

Produce delle immagini a colori dei principali vasi sanguigni che si trovano nel corpo:

  • arterie, di colore apparentemente rosso alla vista portano il sangue ricco di ossigeno dal cuore ai tessuti di tutto l’organismo
  • vene, di colore apparentemente blu conducono il sangue povero di ossigeno dai tessuti verso il cuore

L’analisi delle immagini prodotte dall’ecocolordoppler consente di valutare in tempo reale la velocità e la direzione del flusso sanguigno evidenziando numerose malattie, sia nei bambini sia negli adulti, che pur non causando particolari disturbi (sintomi) con il passar del tempo potrebbero divenire gravi, invalidanti o mortali.

Nella tomografia computerizzata (CT), mediante l’utilizzo di raggi X, una regione specifica del corpo viene resa visibile strato per strato. I vari organi e aree interessate vengono quindi visualizzate in alta risoluzione.

Possediamo un multistrato a 128 slice CT REVOLUTION EVO di ultima generazione della General Eletrics. Oltre a tutti gli esami standard comuni, eseguiamo anche infiltrazioni guidate CT sulla colonna vertebrale.

Durante l’esame, il paziente viene fatto accomodare su di un lettino che si muove durante la presa delle immagini. In alcuni casi è necessario l’utilizzo del mezzo di contrasto (liquido contenente iodio) per rendere maggiormente visibili alcune strutture e/o processi patologici. A dipendenza dei casi, questo liquido è iniettato per via endovenosa e/o orale.

Prenota un appuntamento

Compila il form e ti contattiamo noi

Grazie per il tuo messaggio. È stato inviato.
Si è verificato un errore durante l'invio del messaggio. Per favore riprova più tardi.